ITALINGLISH Tutto quello che non ci hanno mai detto sull inglese fra i banchi di scuola L inglese sicuramente una delle lingue pi parlate al mondo oltre trecento milioni di persone la parlano come lingua madre e ancor di pi la parlano pi o meno bene come seconda lingua L italinglish i

  • Title: ITALINGLISH: Tutto quello che non ci hanno mai detto sull'inglese fra i banchi di scuola
  • Author: Giovanni Augello
  • ISBN:
  • Page: 427
  • Format: Formato Kindle
  • L inglese sicuramente una delle lingue pi parlate al mondo oltre trecento milioni di persone la parlano come lingua madre e ancor di pi la parlano, pi o meno bene, come seconda lingua.L italinglish, invece, uno strano idioma, imparato da noi italiani fra i banchi di scuola, liberamente e vagamente ispirato all inglese, ma fortemente contaminato dalle strutture fonetiche della nostra lingua madre.Muovendomi fra paradossi ed equivoci linguistici, senza mai prendermi troppo sul serio, ho cercato di analizzare le cause che stanno alla base delle nostre proverbiali difficolt ad esprimerci nella lingua dei sudditi di Sua Maest, provando a fornire anche alcune semplici soluzioni al problema.

    • [PDF] Download ✓ ITALINGLISH: Tutto quello che non ci hanno mai detto sull'inglese fra i banchi di scuola | by ☆ Giovanni Augello
      427 Giovanni Augello
    • thumbnail Title: [PDF] Download ✓ ITALINGLISH: Tutto quello che non ci hanno mai detto sull'inglese fra i banchi di scuola | by ☆ Giovanni Augello
      Posted by:Giovanni Augello
      Published :2019-07-07T22:20:42+00:00

    About “Giovanni Augello

    1. Giovanni Augello says:

      Giovanni Augello Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the ITALINGLISH: Tutto quello che non ci hanno mai detto sull'inglese fra i banchi di scuola book, this is one of the most wanted Giovanni Augello author readers around the world.



    2 thoughts on “ITALINGLISH: Tutto quello che non ci hanno mai detto sull'inglese fra i banchi di scuola

    1. Il testo non si propone di essere esaustivo, non è un testo "tecnico" tanto che l'autore non ha usato "l'alfabeto fonetico" per aiutarci nella pronuncia, ha preferito scrivere le parole come dovrebbero essere pronunciate, e da delle indicazioni su quali siano gli strafalcioni che noi italiani facciamo parlando inglese. Secondo me sarebbe il caso di farlo leggere soprattutto agli insegnanti, perché è vero, molte cose semplicemente vengono ignorate o ci si passa sopra perché tanto, tra italian [...]

    2. L'ho letto tutto d'un fiato. Il libro è scritto in modo chiaro e scorrevole. Ho imparato delle cose che non sapevo e mi sono fatto un po' di risate leggendo gli aneddoti di vita vissuta inseriti dall'autore, che dimostrano come una conoscenza approssimativa di una lingua straniera si possa prestare a situazioni buffe o imbarazzanti. Divertentissimi i capitoli sui false-friends e sugli anglicismi.Lo consiglio a tutti, soprattutto a chi ha studiato l'inglese solo a scuola ma non ha avuto molte oc [...]

    3. Lo consiglio a tutti. Studenti e Insegnanti. Dovrebbe essere OBBLIGATORIO nelle scuole italiane.Ti apre gli occhi su una serie di errori che probabilmente continui a fare da anni. Ottima capacità dell'autore nel contestualizzare ogni spiegazione con ironia e capacità di coinvolgimento. Si vede che c'è comunque un lavoro di ricerca basato sull'esperienza vissuta.Mi meraviglio solo del prezzo: a mio avviso troppo BASSO!

    4. il giovane autore sfrutta la propria esperienza per fornire indicazioni utilissime sugli errori di pronuncia e sui falsi amici. Scopriamo così che "apple" si dice proprio "appl" e non "eppl", ma "spray" invece si dice "sprey"! Utile per capire e farsi capire dai poveri madrelingua che dovrebbero interpretare il nostro italinglish.

    5. Libro scorrevole e piacevole da leggere. Sembra dire cose "ovvie", ma in effetti, oltre a fornire preziose informazioni, induce a riflettere sul metodo di insegnamento della lingua inglese nel nostro paeseAvrei gradito un'appendice sull'alfabeto fonetico per integrare le nozioni sulla pronuncia.

    6. Piacevole lettura, molto utile, lo consiglio a tutti gli studenti della scuola italiana ed alla maggior parte degli insegnanti.Ho trovato un errore, posso segnalarlo?"se gli avessero chiesto di parlare della "Tudor dinasty" avrebbe certamente saputo cosa dire, ma sulla "Ciùdoo dàinasti" non era riuscito a proferire nemmeno una parola."la parola italiana dinastia si scrive "dynasty" e si pronuncia 'dɪnəstɪ (in British English)

    7. Il primo passo davvero importante per evitare le insidie della pronuncia dell' inglese causate dalla lettura "latina" della lingua scritta

    8. Un libro vivace e piacevole che svela con semplicità tanti piccoli segreti per dare una mano a quelli come me che parlano da sempre un inglese stentato. Mi è piaciuto pure da un punto di vista motivazionale. In tutto sono venti capitoli e in ognuno di questi si affrontano vari argomenti legati all'uso della lingua, anche attraverso numerosi esempi pratici. Si legge con facilità. Da consigliare.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *